Un trattamento SHOCK per sanificare la vostra auto (DIY).

Un trattamento SHOCK per sanificare la vostra auto (DIY).

Pubblicato il : 01/12/2017 - Categorie : Approfondimenti , Ioni e Ozono

SHOCK. Viene definito in questo modo un potente e rapido metodo di igienizzazione dell’auto eseguito utilizzando un generatore di ozono professionale.

A cosa serve?
Le proprietà dell’ozono sono note per disattivare batteri, spore, muffe e acari ma anche per l’efficacia nell’eliminare tutti gli odori.
Un generatore di ozono può fare questo e altro nel giro di qualche decina di minuti, secondo le dimensioni del veicolo.

Che possediate  un’auto d’epoca -  siate neo acquirenti  un vettura usata -  che abbiate una allegra e  vivace prole e magari una coppia di Beagle prima o poi scatta la necessità di dare una bella sanificata ai vostri interni. 
Già, quando i sedili hanno quell’odore di “yogurt” o di pelo bagnato. O quando proprio non riuscite a eliminare quel lievissimo ma fastidioso odore dovuto al precedente proprietario.
Ma come fare? Liquidi, spray o schiuma sono chimici… meglio di no ci sono i bambini - e i cani.
E…quando troverò il tempo per farlo?  Presi dallo sconforto si cambia rotta  alla ricerca un di buon auto lavaggio in grado anche di sanificare in modo ecologico.  Non sempre però è sotto casa  e poi… lo shock può arrivare all’atto del pagamento!

Per i più pratici c’è un’alternativa: acquistare un generatore di ozono.
Oggi si trovano modelli semplici e affidabili con costi alla portata di tutti. L’ozono è ecologico e non inquina (ritorna naturalmente allo stato di ossigeno dopo ca. mezz’ora). Può essere utile in mille occasioni in casa e al lavoro.
Come noto l’ozono non si può immagazzinare e deve essere prodotto al momento dell’uso, per questo è indispensabile un generatore di ozono.

Siete interessati a sapere come si fa un trattamento shock?
E’ semplice, scriveteci! Seguiteci nei prossimi post su questo blog (e se vi piace condividete!) vi daremo tutte le indicazioni e i segreti sugli usi più incredibili e utili dell’ozono. 

Articoli interessanti

Please log in to rate this article

Condividi